Ratafià per l'assassino

Ratafià per l'assassino

Nessuno sembra disposto a versare una lacrima sulla bara del vecchio Getulio: ogni compaesano pare avere un ottimo motivo per odiare la sua memoria e insultarla. Enea, giovanissimo nipote di Getulio, non ha mai conosciuto il nonno e adesso ha un unico desiderio: scoprire perché la gente del paese lo odiasse tanto e l’avesse condannato a vivere solo, nel buio della grande villa sul Sacro Monte. Sarà l’amico Daniele a guidarlo nelle viscere di Andorno Micca, paese natale del nonno, svelandogli i mille segreti di un monte caro agli asceti. Una distilleria proibita nel cuore del bosco, antiche roncole nascoste in fretta, la macabra nenia di una strega e poi, a notte tarda, il fantasma del pastore Beccia che scende dalla montagna e mugola il nome del suo assassino, sotto i rami di un albero guardiano. Se metterete insieme tutti questi ingredienti, forse non otterrete il ratafià, ma vivrete certamente un’estate a fiato corto al fianco di due improvvisati detective, cercando quel profumato liquore di ciliegie… che a volte uccide.